Il ritorno di Silvia

E’ tornata a casa Silvia, la volontaria italiana rapita in Kenia e tenuta in ostaggio per ben lunghi 18 mesi.

Probabilmente (non lo diranno mai, come sovente accade in questi casi) è stato pagato dallo stato italiano un ricco riscatto per far sì che la ragazza riabbracciasse i suoi cari.

“L’immagine” del suo rientro ha suscitato molte polemiche, è infatti “apparsa” in abiti musulmani dicendo di essersi convertita all’islam, senza forzature…

Personalmente ritengo che non sia giusto da parte di uno stato continuare a pagare riscatti (è già successo più volte in passato), perchè così si rischia di finanziare il terrorismo.

Poi, per quanto riguarda “l’islamizzazione”, beh, io sono per la libertà di culto, però forse in questo momento storico, tornare sorridente dicendo di essere stata molto bene con i rapitori, di essersi convertita, di aver cambiato nome (Aisha) e “abiti” non è stato apprezzato da molti.

romano

NM

14 pensieri su “Il ritorno di Silvia

  1. Un tributo di osanna come ad un’eroina, è del tutto fuori della ragione. Peraltro – a prescindere da quel che, può essere un bluff messo in atto per ottenere milioni di Euro – verrà a crearsi un precedente, attuabile da malviventi, nazionali e stranieri, che avranno l’occasione di trarre guadagni facendo tornare i auge i rapimenti a scopo di estorsione.

    Piace a 1 persona

  2. Sono felice che Silvia è tornata in Italia ma rispetto agli accordi che lo Stato fa per pagare i riscatti, io sinceramente li trovo un assurdo, per il difficile quadro economico che l’Italia vive attualmente, se la situazione dovesse continuare in questo modo sarà una grande sfida per il paese. Ciò susciterà una grande insicurezza sulle imprese e comunque favorisce il terrorismo.

    Piace a 1 persona

  3. Quando hanno rapito americani, l’America è andata a riprenderseli armi in pugno; risultato: hanno smesso di rapire americani. Quando hanno rapito italiani, l’Italia ha sempre pagato; risultato: rapire italiani rende, quindi hanno continuato a rapirli. E a ingrassarsi coi nostri soldi. E a uccidere grazie a noi. E se proprio si doveva pagare, sarebbe almeno stato il caso di abbassare i toni e non sbandierarlo come se avessimo vinto le Olimpiadi. Quella passerella trionfale con lei avvolta nel suo telone copri-auto color verde-terrorismo islamico e sorriso a 64 denti, è il più grosso regalo che mai avremmo potuto fare al terrorismo islamico.

    Piace a 1 persona

  4. Eh si prof, proprio così, difatti l’altra sera in un noto canale televisivo vi è stata una diatriba tra un esponente politico ed un giornalista proprio sul riscatto della giovane, non vedo neanche molto corretto nei confronti degli italiani sottrarsi alle domande dei giornalisti…
    Molti di questi paesi vivono di economie parallele come questa, per cui è facile per gli stati occidentali cadere in trappole simili…

    Piace a 1 persona

  5. Nonostante tutto ovviamente sono contento del ritorno a casa di una connazionale che mancava ai suoi cari da un anno e mezzo, ma credo che per sgombrare il campo da ogni dubbio debba raccontare cosa sia realmente accaduto…
    Certe organizzazioni criminali vanno spente sul nascere e per far ciò vi è bisogno dell’aiuto di tutti…

    "Mi piace"

  6. Buon giorno, su questo argomento si potrebbe creare un libro.
    Tutti tuttologi e moralisti, leoni da tastiera e chi più ne ha più ne metta.
    Su questa vicenda stranamente io mi sono tirato fuori, nel senso, non ho voluto giudicare e accusare nessuno, avrei soltanto voluto vedere tutte le mamma e papà che hanno commentato in modo dispregiativo l’accaduto, avrei voluto vedere i propri figli sequestrati per 18 mesi in una località terroristica.
    Purtroppo l’uomo è predisposto a giudicare per l’80% in modo negativo, i lati positivi delle cose sono sempre quelli che fuoriescono meno.
    Io penso che lo “Stato” ha fatto il suo dovere a riportare a casa Silvia, come penso che dovrebbe riportare a casa la maggior parte delle persone sequestrate da altri Stati, tipo Chicco Forti, innocente il quale sta scontando una pena ingiusta da oltre vent’anni.
    Riguardo la questione economica sono sconcertato per il costo del riscatto, soldi che incrementeranno problemi in futuro.
    Ho letto commenti che dicevano; quelli sono soldi nostri, bla bla bla….. siamo 60 ML in Italia cosa volete che abbiamo tirato fuori per ogni singola persona? 10 euro a testa! e sono stato largo, pensiamo a cose più gravi che influiscono nella nostra quotidianità.
    D’altronde sappiamo che nella vita tutto ha un costo e questo è quello che hanno chiesto loro. Nessuno regala niente per niente!

    Piace a 1 persona

  7. Immagino che possano essere molteplici, anche a livello psicologico, i motivi del suo cambiamento, può essere anche completamente conscia di ciò che ha fatto, sta di fatto che é sbagliato da parte dell’Italia finanziare il terrorismo perché in questo modo facciamo davvero il loro gioco.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...