Potenza dell’immagine

Purtroppo in questi giorni siamo avvezzi ormai a confrontarci con immagini di questo tipo.

Si, confrontarci, con noi stessi, con gli altri, per le sensazioni ed emozioni dolorose che provocano.

L’immagine di sinistra rappresenta tante bare, come fossero cose qualunque, sono cumuli di “sarcofagi” che contengono corpi che fino a poco fa avevano vita, emozioni, amore. E in quest’ultimo momento, quello del trapasso, non possono neanche avere un funerale, a causa della pandemia in corso. I loro cari dunque non possono “salutarli” neanche l’ultima volta. Tutto ciò è molto triste ed  ingiusto. Rimane tutto sospeso, per sempre.

L’immagine di destra invece è ancora più atroce!

Rappresenta una bambina di quattro anni, ammalata di tumore, e quindi in isolamento. Il papà che la saluta da oltre il vetro, non può confortarla, abbracciarla, coccolarla, come si dovrebbe in questo caso. Il rischio per la bimba di contrarre anche il virus, sarebbe troppo elevato.

La bambina e il papà hanno tutta la mia solidarietà e la mia comprensione.

In questi momenti piange l’universo…

NM

16 pensieri su “Potenza dell’immagine

  1. Ha raccolto due immagini molto forti, due delle tante che circolano frequentemente!
    La foto delle bare è agghiacciante, perdere un proprio caro senza sapere quando si potrà fare il funerale o se si farà è bruttissimo.
    L’altra foto penso sia più crudele, nel senso, un genitore é consapevole di quello che sta succedendo fuori, vive con la paura che ogni giorno potrebbe essere l’ultimo per il figlio/a, cosciente di non aver passato gli ultimi giorni insieme.

    Purtroppo nessuno mai avrebbe pensato che si arrivasse a questo punto, che si arrivasse a tanto.
    Sono tanti i pensieri che ci frullano per la testa, tipo: ce la faremo? Quando passerà tutto ciò? Una volta finito tornerà tutto come prima? Ecc…

    In questi giorni difficili, il nostro paese si trova ad affrontare una situazione di disagio, sotto ogni punto di vista. La nostra sanità è in ginocchio, le nostre piccole e medie imprese rischiano di subire danni e cicatrici che resteranno indelebili sulla loro pelle. Adesso non ci serve sventolare i nostri colori politici. Il nostro DNA non brilla di patriottismo, ma le nostre menti hanno sempre dimostrato al mondo intero quello che siamo capaci di fare, quando vogliamo, in ogni campo e settore. NE USCIREMO NE SONO CERTO.
    Ma quando sarà il momento ricordatevi quello che stiamo affrontando.
    BASTA TAGLI ALLA SANITÀ. (Oggi più che mai abbiamo FORSE capito la sua reale importanza).
    BASTA TAGLI ALL’ISTRUZIONE. (È il momento di ampliare i posti nelle università).
    I nostri medici sono delle eccellenze nel mondo, non diamo loro la volontà di trovare fortuna all’estero, ma bensì tieniamoceli stretti.
    E SOPRATTUTTO AIUTIAMO LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE, motore di questa bellissima penisola chiamata ITALIA 🇮🇹

    Cit. Di fede/Accattatis

    Piace a 1 persona

  2. Sono due immagini forti…
    Una è lo specchio di questa guerra silenziosa che continua a far cadere i soldati…
    Ed in questo mare del silenzio ogni sopravvissuto cerca di distinguere la voce del proprio caro defunto…
    Come a consolarsi per questa grave perdita…
    Non si sente il rumore delle bombe, non si avverte alcun frastuono assordante ad avvisare che dobbiamo fuggire, scappare…
    Eppure è una guerra…
    L’aria è insalubre allo stesso modo, si respira a fatica, tutto intorno deserto…
    In questo immenso deserto si scorge solo il via vai di ambulanze che portano i malati in ospedale e ognuno dentro di sé pensa:”Speriamo si salvi”.
    Medici, infermieri insonni massacrati da turni estenuanti di lavoro eppure con ancora il sorriso sulle labbra dopo aver negativizzato molti positivi, come a far capire a tutto il mondo intero:”Ce la faremo”.
    Prima o poi scorgendo l’orizzonte una nuova alba spazzerà via quest’incubo, le città torneranno a popolarsi la vita riprenderà a scorrere…
    E saranno dolci tutti quei rumori che da un po’ di tempo le nostre orecchie non odono più….

    Piace a 1 persona

  3. Penso che queste immagini parlino da sole e possano solo lasciare il posto ad urla di dolore o ad un pianto sommesso, ma continuo fino a quando, sarà ancora la vita a prendere il sopravvento e quel vetro non sarà più un limite tra quella stupenda bambina e il suo papà.

    Piace a 1 persona

  4. Chissà se al tramonto di questa vita terrena ci aspetterà un paradiso di morti o un inferno di viventi…
    Sappiamo con certezza però che la mano dell’uomo sul nostro pianeta ha causato danni a dismisura e quelle due foto ne sono la dimostrazione lampante…
    Forse questa nostra terra merita ben altri attori e soprattutto un diverso epilogo…

    Piace a 1 persona

  5. Sono immagini forti, che trasmettono tristezza. A me fanno pensare e spero che facciano pensare anche le persone incoscienti che non rispettano le restrizioni e auguro loro che non debbano confrontarsi con il nemico del momento, anche se, forse sarebbe l’unico modo di far capire anche a loro la gravità del periodo.
    È da apprezzare il supporto emotivo del padre che si presenta davanti alla figlia innocente, già vittima di un mostro più letale, con il sorriso sulle labbra per cercare di darle proprio ciò che ha bisogno e cioè tanto amore, serenità, coraggio e sicurezza. È doloroso sapere che ci sono migliaia di persone nella stessa situazione e che magari non hanno lo stesso supporto se non dagli angeli custodi (medici e infermieri) che li curano ogni giorno.
    Faccio i miei complimenti al governo che ha saputo reagire ed affrontare la situazione che nessuno si aspettava prendendo delle decisioni drastiche ma necessarie. Certo sono state criticate da terzi, quando ancora non si dovevano confrontare con questo virus, ma sono solo d’esempio.
    I ringraziamenti e gli omaggi vanno al sistema sanitario alle forze dell’ordine, alla protezione civile che mettono la vita in pericolo, rischiando di essere infettati ogni giorno, per la salute della comunità.
    Gli unici e veri Eroi
    Grazie

    Piace a 1 persona

  6. Sono immagini forti che rappresentano la situazione che stiamo vivendo nei giorni d’oggi e vedere queste due immagini fa molto male, pensare di perdere un proprio caro e non riuscire nemmeno a dargli un ultimo saluto oppure non essere a conoscenza che quella persona cara se n’è andata.
    Fa anche male vedere persone che non ci credono a questa pandemia nonostante tutti i fatti che stanno accadendo.

    Piace a 1 persona

  7. Purtroppo stiamo vivendo in un momento storico molto difficile e triste, sotto ogni punto di vista, reclusi in casa senza poter vedere persone care e affetti. Il tema che si affronta nelle immagini a me, personalmente tocca molto. Perché penso debba essere agghiacciante perdere un proprio caro , senza aver la possibiltà di salutarlo per un’ultima volta.
    Nella foto di destra vedo molta tristezza, e non oso immaginare cosa debba essere trovarsi in una situazione del genere. Da genitore ci soffrirei molto, sapendo di non poter fare nulla per salvare mio figlio malato terminale, e tanto meno di poterlo salutare ed abbracciare un’ultima volta.
    Spero che questo brutto “periodaccio” passi davvero i fretta, e volendo essere positivi, spero che dia anche una marcia in più al mondo, rendendolo più cosciente di quanto l’umanità possa essere “fragile”.

    Piace a 1 persona

  8. Una vera e propria assurdità, da “vittima” purtroppo di quanto è stato riportato posso solo che comprendere e compatire queste 2 forti immagini; viviamo in un periodo così assurdo, che lascia dubbi e incertezze all’inequivocabile, come quello di non poter salutare un proprio familiare per un’ultima e sacra volta.
    Nulla ormai è più scontato, stiamo adottando stili di vita completamente nuovi e che sinceramente a volte mancano di umanità.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...